Isolamenti di tubazioni rivestite con malta contenente amianto
Stato della tecnica

Gli isolamenti di tubazioni in diversi materiali (lana minerale, sughero bituminoso, semigusci PIR/PUR, raramente polistirolo) erano spesso ricoperti con una malta, suscettibile di contenere amianto (solitamente amosite).

In alcuni casi questa malta è stata applicata direttamente sull’isolamento termico; in altri casi è stata rinforzata o ricoperta alternativamente con una rete metallica, della garza o del tessuto di iuta.

La concentrazione di amianto può variare in modo relativamente significativo (di solito intorno all'1%, ma può raggiungere il 20%) ed essere distribuita eterogeneamente.

Oltre alla copertura con malta, le tubazioni possono essere rivestite con i seguenti materiali contenenti amianto:

Normal Usage

Grado di agglomerazione dell’amianto: debolmente agglomerato.

  • Intatto o solo leggermente danneggiato (p.es. singole fessure nell'isolamento): nessun pericolo o pericolo minimo. Per evitare danni meccanici, tali tubazioni possono essere rivestite.
  • Danneggiato: può avvenire un rilascio locale di fibre dal materiale danneggiato, ad esempio a causa dell’usura o di precedenti influssi meccanici (zona di pericolo arancione).
  • In caso di danni causati da influssi esterni, la formazione di polvere e il rilascio di fibre di amianto sono molto elevati (zona di pericolo rossa). Inoltre, c'è il rischio di diffusione e di conseguente contaminazione di altre aree a causa di frammenti in giro.

Deconstruction / transformation

Durante l’intervento sugli isolamenti di tubazioni rivestite con malta contenente amianto, la formazione di polvere e il rilascio di fibre di amianto sono molto elevati (zona di pericolo rossa).

Gli isolamenti di tubazioni ricoperti con la malta devono essere sottoposti a campionamento.

Anche i terminali di chiusura delle stesse possono contenere amianto e devono essere esaminati.

Talvolta, nelle curve o nei gomiti dell'isolamento sono stati utilizzati altri materiali (per esempio isolamento con tessuto di amianto, in corrispondenza della curva, solitamente non esposto). Pertanto, è necessario controllare queste parti dell'isolamento.

Sampling

Poiché l'amianto nella malta è distribuito eterogeneamente, è opportuno prelevare più campioni o campioni misti (da un massimo di 3-5 campioni singoli). Gli isolamenti visivamente diversi devono essere campionati separatamente (nessun campionamento misto). Se il materiale si presenta visivamente identico su più tubazioni, è possibile eseguire un campionamento misto.

La bonifica dell'isolamento di tubazioni rivestite con malta contenente amianto deve essere eseguita da una ditta specializzata riconosciuta; secondo la direttiva Amianto CFSL no. 6503, capitolo 7. Anche se i lavori di bonifica vengono eseguiti in una zona confinata, è necessario inumidire completamente il materiale con un agente in soluzione saponosa.

Secondo la scheda tematica della Suva no. 33075, le tubazioni possono essere tagliate a pezzi o rimosse avvolgendole in un involucro plastico ermetico, in una zona confinata, da una ditta specializzata riconosciuta, che provvederà alla successiva separazione dei materiali in una zona di bonifica esterna.

In alternativa, i materiali contenenti amianto possono essere rimossi con la tecnica del glove-bag, nonostante nella pratica questa venga utilizzata raramente.

Conformemente alle indicazioni riportate sull’opuscolo no. 84053 e sulla scheda tematica no. 33074 redatti dalla Suva, i lavori di piccola entità (smontaggio di singoli tratti di tubazioni senza danneggiamento dell'isolamento) possono essere eseguiti da artigiani addestrati, muniti di dispositivi di protezione individuale (imballaggio ermetico, smontaggio senza danneggiamento della malta contenente amianto e separazione del materiale in una zona esterna confinata, eseguita da una ditta specializzata riconosciuta). Questa procedura è applicabile solo nel caso di un isolamento intatto.

L'isolamento delle tubazioni rimosso deve essere inserito in un doppio sacco e smaltito in una discarica di tipo E. Non è consentito smaltire le tubazioni munite dell'isolamento.

L'UFAM sta attualmente valutando la possibilità di smaltire il materiale tramite un impianto di incenerimento dedicato. L'UFAM non è ancora giunto a una decisione definitiva sul metodo di smaltimento adeguato. Nella pratica, alcuni degli isolamenti contenenti amianto possono essere smaltiti tramite impianti di incenerimento dei rifiuti; tuttavia, non tutti gli impianti accettano rifiuti contenenti amianto. Lo smaltimento deve quindi essere chiarito con il Cantone o con l’impianto di incenerimento.

Osservazione generale: nella Svizzera romanda vale l'Aiuto all'esecuzione intercantonale "Smaltimento di rifiuti contenenti amianto" del dicembre 2016. Attualmente non esiste un aiuto all’esecuzione analogo per la Svizzera tedesca e per il Ticino. L’UFAM sta elaborando le disposizioni in materia (aiuto all'esecuzione OPSR "Determinazione delle sostanze nocive e informazioni per lo smaltimento dei rifiuti edili"). Non appena queste saranno disponibili, verranno integrate nel sito di Polludoc. Fino ad allora, sono valide le vie e le procedure di smaltimento che sono prassi comune nella Svizzera tedesca, descritte nel sito di Polludoc (nessuna considerazione di particolari requisiti cantonali ad eccezione dei cantoni della Svizzera romanda). Inoltre, per quanto riguarda lo smaltimento devono essere prese in considerazione anche le schede tematiche della Suva no. 33063 e no. 33064. Le informazioni qui fornite devono quindi essere prese con cautela.

Fotografie
Feedback / correzioni

Ha notato qualche errore o informazioni poco chiare? Oppure ha delle foto con le quali potremmo arricchire il nostro archivio? Saremo lieti di ricevere un Suo riscontro.